Little Tony e Little Pony: coppie minime e fraintendimenti comuni per chi apprende inglese

torta-little-tonySta spopolando da un paio di giorni la notizia del distratto pasticciere sicialiano e della povera bambina che si è ritrovata a spegnere la sua nona candelina su una torta con sopra impressa un’enorme fotografia di Little Tony.

Evelina aveva chiesto ai suoi genitori di ricevere una torta con sopra raffigurati i personaggi del suo cartone animato preferito: “My Little Pony”, ma al momento di spegnere le candeline ha trovato sulla torta l’immagine del popolare e indimenticato Elvis italiano, a lei ovviamente sconosciuto.

Alle origini della vicenda, che con un neologismo si definirebbe un Epic Fail e che è arrivata ad occupare addirittura le pagine del Telegraph, si trova il malinteso nel passaggio di informazioni tra i genitori e il pasticciere; malinteso reso possibile dal contenuto comunicativo (verosimilmente se la bambina non conosce Little Tony è plausibile che il pasticciere non sappia che cosa siano i Little Pony) e dalla somiglianza formale tra le parole Tony e Pony, ciò che in linguistica chiamiamo coppia minima.

Una coppia minima è una coppia di parole che differiscono tra loro solamente per un fonema, ossia un “suono”. Attenzione: si parla sempre di suoni e non di lettere! Nel caso di Evelina, è il suono che ha fatto la differenza: l’emittente (il genitore) ha pronunciato una cosa (Pony) e il ricevente (il pasticciere) ne ha decodificata un’altra (Tony). Il fraintendimento, in questo caso, risulterebbe “quasi” giustificabile poiché entrambi gli elementi distintivi della coppia minima (/p/ – /t/) sono consonanti occlusive sorde che divergono nella realizzazione solo in virtù del differente luogo di articolazione (una consonante è bilabiale, l’altra dentale).

È necessario tenere bene a mente la differenza tra fonema (il suono) e grafema (il segno grafico, la lettera) di una parola, soprattutto quando si fanno i conti con la lingua inglese in cui la corrispondenza è sempre disattesa (“non si scrive come si legge”).

Se le insidie nella comprensione si presentano tra persone che condividono lo stesso sistema linguistico, figuriamoci quali possano essere i risvolti nei casi in cui il sistema fonologico della propria lingua materna non coincida con quello del nostro interlocutore. Per tentare di ovviare – parzialmente – riporto alcune coppie minime che sono state finora motivo di fraintendimento/incomprensione nell’interazione con i nostri studenti italofoni.

In caso di difficoltà a comprendere i simboli, rimando a questa pagina del British Council, dove è possibile cliccare sul simbolo per ascoltarne la realizzazione fonetica e anche, cliccando sulla freccia alla destra di ogni simbolo, ascoltare alcuni esempi in parole di uso frequente. Altri problemi di pronuncia comuni, oltre a quelli proposti, possono essere trovati qui.

Vero è che quando parliamo c’è un grande alleato che ci viene in soccorso e questo alleato si chiama contesto, quindi molto spesso una pronuncia non accurata può comunque essere decodificata nel modo corretto. Tuttavia, se il contesto non lo permette e  se il nostro interlocutore non (è in grado di) effettua(re) lo sforzo necessario per comprenderci, dobbiamo essere noi a cercare di minimizzare il rischio di fraintendimenti, che comunque restano sempre in agguato… come una bella torta con sopra Little Tony.

 

/ɪ/       –    /i:/

sin      –    seen

sit       –    seat

fit        –    feet

 

/æ/        –       /ʌ/ 

cat         –       cut

batter     –       butter

pan        –       pun

 

/əʊ/       –       /ɔ:/ 

so          –      saw

 

/ɒ/         –       /əʊ/

not        –      note

want      –      won’t

 

/æ/        –       /e/ 

cat         –      Ket

batter     –      better

pan        –       pen

 

/h/

hate      –              ate

hair        –              air

hold       –              old

 

/n/         –       /ŋ/

thin        –      thing

sin         –       sing

 

/θ/         –       /t/

thin        –     tin

thanks    –     tanks

three      –      tree

 

/ð/         –       /d/ 

then      –      den

 

/ɜ:/         –      /ɔ:/ 

work       –      walk

 

 

Chiara

1 thought on “Little Tony e Little Pony: coppie minime e fraintendimenti comuni per chi apprende inglese”

  1. I’m more than happy to discover this page.
    I wanted to thank you for ones time just for this wonderful
    read!! I definitely really liked every little bit of it and I have you saved to fav to check out new information on your
    blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Related Post

Future TensesFuture Tenses

Ci sono molti modi per esprimere il futuro in inglese: Present Simple, Present Continuous, Going to, Will, Present Perfect, Present Continuous. Se sai già come si formano questi tempi, ma