Falsi anglicismi – 40 parole inglesi che un Italiano usa, ma un Inglese no!

Omino del Cocco Bello

Chiesi un giorno ad una mia alunna che cosa avrebbe fatto dopo la lezione: “I am going to gag”, rispose. Ovviamente si riferiva al fatto che sarebbe andata in palestra a fare “G.A.G.”, ma gag in inglese significa – tra le altre cose – “strozzarsi” quindi il messaggio che il mio cervello elaborò fu:  “Vado a strozzarmi”. L’italiano è pieno di anglicismi, ossia di parole prese in prestito dalla lingua inglese ma… possiamo usarle se stiamo parlando con un anglofono?

L’egemonia anglosassone, soprattutto in ambito informatico e commerciale, ha fatto sì che in italiano vengano ormai prese in blocco parole di origine inglese senza adattarle in qualcosa che “suoni” italiano (questo in linguistica si chiama “calco”, come ad esempio la parola grattacielo “ricalcata” sull’inglese skyscraper). Ad esempio, al contrario del francese (souris) e dello spagnolo (ratón), il mouse del computer non si chiama “topo” in italiano, così come il computer non si chiama – almeno non più – il “calcolatore”.

Ci sono però dei limiti che è meglio tenere a mente quando si interagisce con qualcuno di lingua inglese e non dare per scontato che “se in italiano lo dico con una parola inglese, in inglese lo posso dire con la stessa parola”. Ehm…no.

Infatti, parte degli anglicismi che utilizziamo in italiano, nel caso migliore, significa qualcosa di diverso in inglese, nel peggiore non significa proprio nulla: in inglese non posso indossare lo smoking, fare footing o visitare un sexy shop, per lo meno se voglio essere compreso dal mio interlocutore 🙂

Per questo ho raccolto in questa lista un piccolo assaggio di 41 parole di uso comune in italiano che sarebbe meglio evitare quando parliamo inglese. Enjoy!

In italiano dico… Un anglofono capisce… Un anglofono lo chiama…
Abbigliamento Body Corpo Body Stocking; Leotard ; Catsuit
   Pile Pila di oggetti Fleece
  Golf Golf (sport) Sweater; Jumper
Montgomery Duffel Coat
Slip Scivolare Brief; Trunks; Underwear; Knickers
Smoking Fumare Tuxedo; Dinner Jacket
Tight Stretto (al plurale = collant!) Morning Suit
Sport Antidoping Anti-dope test
Basket Cesto, canestro Basketball
Footing Jogging
GAG Strozzarsi; scenetta comica ABT
Mister Signor… Coach
  Volley Colpire al volo Volleyball
Luoghi Bar Pub; the counter in a pub Café
Box Scatola garage
Camping Andare in campeggio Campsite
Luna Park Theme Park; Fun Fair
Night Notte Night club
Parking Parcheggiare Car Park (B.E.); Parking Lot (A.E.)
Sexy Shop *Negozio attraente?! Sex Shop
Igiene e bellezza Beauty Case Toilet bag/ Vanity Bag
Lifting Alzare Face lift
Phon Hairdryer
Giochi Jolly Allegro Joker
Flipper Pinna Pinball
Pungiball Punching bag
Cibo e bevande Drink Bevanda (anche analcolica)  
Toast Fetta di pane tostata Sandwich
In viaggio… Autogrill Motorway Service Station
Autostop Hitch-hiking
Clacson  Una volta denotava il Clacson delle vecchie auto; in genere si usa come avvisatore elettroacustico (anche le navi hanno il clacson). Spelling: klaxon Horn
Pullman Coach
TV Fiction Narrativa, storia di fantasia TV series, drama
Spot Macchia Advert
Stage Palcoscenico Internship
Miscellanea Baby killer  A person who kills babies? Juvinile murderer
  Mobbing Fare molestie, angherie (in tutti qualunque contesto)  
Scotch Whisky scozzese Tape; Sellotape
Social Network Social networking site
Ticket (in ospedale) Biglietto  
Water Acqua Toilet; Water closet

Contrariamente a come fatto in precedenza, abbiamo deciso di scrivere questo post in italiano di modo che sia di aiuto anche a chi ancora mastica poco l’inglese. Per chi volesse saperne di più potete consultare i testi qui i basso, da cui sono tratti alcuni degli esempi.

  • Bombi R. 1991 “Di alcuni falsi anglicismi nell italiano contemporaneo” Incontri linguistici, 14, 87-96.
  • Furiassi C., False Anglicisms in Italian, Polimetrica 2010.
  • Severgnini B., L’inglese. Lezioni semiserie, Bur 2010.
  • Zoppetti A., L’italiano for Dummies, Hoepli 2014.

 

 

Chiara

12 commenti:

  1. Forse si potrebbe aggiungere bar. In inglese si usa solo per un posto da frequentare la sera, per bere e magari sentire musica. Il nostro bar in inglese è il Cafè. No?

    • Per favore se venite in UK e volete bere del whisky non chiamatelo Scotch! È un termine usato dagli Americani che fa imbestialire i locals. Scotch sta per scottish e può essere usato per qualsiasi prodotto, tipo il grassh-fed scotch beef. Il whisky viene chiamato single malt.
      Pile vuole anche dire emorroide.

      • Vero! Dal tono del tuo commento deduco che i falsi anglicismi ti fanno lo stesso effetto che fanno a me! 🙂 E sbagliare l’uso di “pile” può avere conseguenze abbastanza imbarazzanti…

  2. Giusta osservazione 🙂 Di fatto, è un concetto completamente diverso a livello culturale. Per un Italiano è più comune utilizzare il bar – in senso di bancone – consumare un caffè in fretta e andare, mentre in un Café in Inghilterra è più comune ordinare e mettersi seduti al tavolo. Aggiungo il tuo suggerimento 😉 grazie!

  3. Good post! I read your blog often and you always post excellent content. I posted this article on Facebook and my followers like it. Thanks for writing this!

  4. In realtà “stage” deriva dal francese ma purtroppo molte persone lo pronunciano male, come fosse appunto “palco” in inglese

    • Sì, con il significato di “periodo di addestramento” è arrivato in italiano per tramite del francese 🙂

  5. MOhamed sayed

    Ottima spiegazione , la posso anche menzionare nella mia tesi magisterale che si tratta dei falis anglicismi in italiano

    Grazie infinite

    • Grazie a te Mohamed! Mi fa piacere che ti occupi di questo argomento 😉

      • MOhamed sayed

        Piacere mio chiaro , ho scelto questo argomento in quanto l’ho trovato molto interessante e anche per la mia curiosita di approfondirsi 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *